Alto ventos est coeptis utque fecit. Phoebe sine circumfuso arce. Tanto aliis. Matutinis cornua origo formaeque animal mundo. Chaos: fabricator. Natura mundo caesa addidit. Cuncta habendum meis omni ille formaeque emicuit septemque et. Lege fecit aethere porrexerat gentes horrifer formas.

Alto ventos est coeptis utque fecit. Phoebe sine circumfuso arce. Tanto aliis. Matutinis cornua origo formaeque animal mundo. Chaos: fabricator. Natura mundo caesa addidit. Cuncta habendum meis omni ille formaeque emicuit septemque et. Lege fecit aethere porrexerat gentes horrifer formas.

Alto ventos est coeptis utque fecit. Phoebe sine circumfuso arce. Tanto aliis. Matutinis cornua origo formaeque animal mundo. Chaos: fabricator. Natura mundo caesa addidit. Cuncta habendum meis omni ille formaeque emicuit septemque et. Lege fecit aethere porrexerat gentes horrifer formas.

Vidéo hard escort girl fougeres

Sometimes randomly moved about which can be difficult as many areas have very close friendships. Difficult to move from areas once selected for them and different working areas have very different rules for tips. Overall a good experience and I would recommend to people for a part time job. They will literally take on anyone, which is great for unqualified students like me.

Minimum wage and zero hours but this was ideal for full-time students. The Senior Management leave a lot to be desired. The staff and Senior Officers are great and try their best on a daily basis. Staff retention is appalling and the HR department does not understand how to recruit on time and the right people. The shifts are all jumbled up with no sequence and not working time compliant - there are shifts of only 5 hours and then other shifts of 14 hrs.

It is not uncommon to work 24 hrs if an escort is required due to staffing levels. There is also a strong case of "jobs for the boys" where even if you are the correct person for the role external people will be brought in, including the bosses son!

Sodexo is actually a great company but unfortunately Addiewell has bad management. Not a fun to work. More chefs are needed in order to reduce the long hours and not having to work every other weekend For the long hours and the job being so tedious I think the money should be more.

A day at work would consist of following paperwork and legislation. Cooking for staff and patients about 50 a day. Adhering to dietary guidelines. It has taught me a lot of nutrition.

The hardest part of the job is the workload as they don't like to hire new staff. They hold high standards as well as they ensure that the kitchen is clean. Good first time job, it gained me the skills to get into the job I am currently in now, it was fun while I was 16 years old but i wouldnt recomment anyone older.

A good company to work for i enjoyed working for the company but want to move on uniform provide food when your entitled to it the hardest part of the job was weekends because you did not no how many you where catering for but it was fun.

It s a nice place with nice people. I have a very good, ambitious team and we want each one to grow more. At the moment I want to develop and learn as much as possible. That's why I'm looking for a job in addition to this because I want to meet new people to learn and expand my knowledge. I worked at Sodexo Motivation Solutions in Frimley, however I had also worked for them before I went to Cyprus for 3 years husband was in the Military and when we were posted back to Hampshire I contacted my previous Manager and was offered a new contract.

Typical day at work. I have worked at Sodexo on Brighton matchdays for the last year. I handle customers at the bar and deal with large parties who have booked a table in the private suites and lounges who enjoy a three course meal and drinks. Management are always on top of work and ensure that we all know our roles for the day with a brief before the start of the shift.

The hardest part of the job is dealing with the rush before kick off and at half time but we work well collectively to ensure we deliver a high level of customer service. Domani, quando tutto sarà, quando tutto avrà, quando. Tu reviens toi aussi. Se ho cercato — ho forse fatto altro?

Un train file dans le soir: Tout se passe comme si je logeais dans une ombre. Un treno sfreccia nella sera: Quel che ho voluto, un treno lo porta: Traduzione a cura di Chiara De Luca. Traduzione di Stefano Serri. Ernest Pépin è nato nel a Lamentin Guadalupa.

Tra i volumi di poesia: Il meteorologo preannuncia tempo ingrato. E intende grigio, il mio colore di cielo preferito: E con ingrato intende pioggia: Il tempo ingrato riveste le pecore di grasso. Il tempo ingrato gonfia grano, orzo e avena. Le nubi si abbassano con il loro patrimonio, i campi traboccano di lingotti, e ogni fosso è un portafogli aperto e goccia argento.

Lasciate che corra le strade il tempo ingrato, ragazza folle che scuote i lunghi capelli. Il tempo ingrato è nostro per diritto di nascita: I frigoriferi sono stipati di burro, crema e formaggio. The weatherman forecasts miserable weather. By this he means grey, my favourite colour for skies: And by miserable he means rain: Miserable weather puts fat on the sheep. Miserable weather swells corn, oats and barley. The clouds sag with riches, the fields brim with ingots, and every ditch is an open purse, spilling silver.

Let miserable weather run in the streets like a mad girl, tossing her long hair. Let it pass its hand over the hills and heal their arid sleep. Miserable weather is our birthright: We learned to put on kitchen lights on summer mornings, and wear umbrellas everywhere, like second skins. Our fridges are crammed with butter, cheese and cream.

From our taps the miserable weather gushes in hot and cold streams in the rose-bed scatters masterpieces. Ha pubblicato due raccolte di poesia: Dirige una piccola casa editrice, la Knucker Press www.

Nel le è stato assegnato il prestigioso Edwin Morgan Poetry Prize. The bow pointed round the compass. But nobody wanted it.

What can we do with such a cargo, the people said; it has no marketable value, have you ever heard of anyone trading in futures of love? No, we have not. So the ship slipped off as if it had been guilty of deceit. Can you deliver it in sacks? Do you have to refrigerate it? We have never seen anything like that in the dry goods store.

And the ship sailed on. What does it mean, an ocean crossing without any port? What does it mean, the echoes of laughter at the entrances to all the warehouses of the world? Can you weigh it? Can you grind it? What price is it trading at today? So the ship sails on.

And I believe the cargo is listing; it must have been after that last storm, when it came out of the eye into thirty-metre waves, that must be when it happened. And now the ship is stricken. But the Captain says he will take his stand; Not for me, he says, the long nightmare across the sea, the blackened faces and swollen tongues, the urge to drink even salty blood.

Ma nessuno la voleva. Dissero al porto successivo; che idea! Potete consegnarlo in sacchi? Non abbiamo mai visto nulla di simile nelle mercerie. Cosa significa, gli echi di risate alle porte di tutti i magazzini del mondo?

È quello che chiedono tutti. Qual è oggi il suo prezzo commerciale? E ora la nave è prostrata. La prima metà di questa silloge di poesie, commissionate dallo International Jazz Festival e messa in musica da Tommy Smith, fu rappresentata per la prima volta al municipio di Cheltenham il 4 Aprile del Ha tradotto poesie da russo, ungherese, francese, italiano, latino, spagnolo, portoghese, tedesco e altre lingue.

Ha scritto poesie di argomento cinematografico, teatrale e di science fiction: Ha pubblicato numerosi volumi di poesia e raccolte di saggi, la maggior parte editi da Carcanet Press Ltd. Il volume Collected Poems pubblicato da Carcanet nel è la sua raccolta più ampia ed eterogenea. Nel giugno del la sua Phaedra ha ricevuto il prestigioso Weidenfeld Prize for Translation. È prima di tutto poeta, uno dei più importanti in area francofona.

Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti ed è stato tradotto in una trentina di lingue. Sono stati frutto di numerose suggestioni di natura eterogenea: La riflessione, qui, si fa poesia filosofica che trova il suo tempo di decadimento nella filosofia del linguaggio.

In particular, in Messiaen wrote a piece for flute and piano entitled Le merle noir The Black Bird to test the ability of flutists applying to enter the Paris Conservatory of Paris.

This was the first time that the song of the blackbird made its appearance in contemporary music. As we know, Messiaen liked to say he was more ornithologist than composer, thanks to his studies of the modes of birdsong applied experimentally to the theory of composition.

In Kos the blackbird is a symbol of communication, of the word as Platonic copy of Ideas, which detaches itself like a flabby membrane from the Area of Broca to spread its vibrant phonemes through the air, turning them into a meaningful material presence.

The way the blackbird learns to repeat words seems a sort of pedagogy of sense: Reflection becomes philosophical poetry that finds its decay time in the philosophy of language. To quote the poet: To see this, we need only consider how the stylistic structure of Kos, and even it graphics, seem inspired by music, in a sort of visual re-evocation of modes of limited transposition, with entire lines barred and indentations that recall the positions of notes on an imaginary hypothetical pentagram.

Da allora ha ricevuto diversi premi e segnalazioni di merito. Terzo al premio Renato Giorgi ed. Le voci della Luna, Sasso Marconi. Le sue poesie sono presenti in diverse antologie e blog di poesia contemporanea. Alcune sue poesie sono state tradotte in inglese, in cinese, in francese, in tedesco e in spagnolo. Moving across various discipline, Michele Porsia Termoli, , seeks to integrate words, art and architecture, overcoming the boundaries that separate them. Since then he has won several prizes and recognitions.

Among others, in he was a finalist in the competition Under 29 — Unione Terre di Castello ; in he won the first edition of the award Cose a Parole organized by Giulio Perrone Editrice; he was a finalist in Subway award , and was mentioned for the Miosotis Award in ed. He won third prize in the Renato Giorgi award ed. With his latest published collection, he is among the finalists for the Lorenzo Montano ed.

His poems have been published in several anthologies of contemporary poetry, and blogs. He has published two collections: The poem Kos , in full version, is being published in the anthology Poeti della lontananza by Marco Saya Edizioni. Brenda Porster is a native of Philadelphia who has lived most of her adult life in Florence.

She is a poet and literary translator. As a poet, she writes both in English and Italian and since is a member of the international Compagnia delle poete , and with them has performed in many Italian and foreign cities Rome, Ferrara, Florence, Milan, Otranto, Lugano, Paris. She is included in many thematic and group anthologies: Furori , Uomini , Genesi , Gatti come angeli , Corporea , HaikuLei , Varianti urbane ; Prismi, sempre ai confini del verso: As a translator working from Italian into English, for many years she translated for El Ghibli, a website specialized in immigrant writing in Italian.

S he has translated Mario Luzi in Toscana Mater, and a large number of poets now writing in Italian: The volume For the Maintenance of Landscape: Her translations of the Italian poems of Albanian-born Arben Dedja appear in Traduzionetradizione, n. Robustelli, she translated and edited the anthology Corporea: Le voci della luna. E nella ciclicità si sprigiona la forza della natura- madre , una possibile salvezza: Perché qui tutto passa attraverso il corpo, anche se sprofondato nel torpore del sonno, anche se in viaggio verso i frammenti del ricordo: Franca Mancinelli procede col suo dettato essenziale e spoglio, limpido e onesto, che allaccia elementi del quotidiano a rivelazioni cariche di mistero e sacralità, ma anche di naturale bellezza.

Come la pasta, per farsi pane. Le pagine completamente bianche, che scandiscono le sezioni del libro, domandano riposo, respiro, tempo per rielaborare, digerire il cibo solido, enigmatico della poesia. Ritrarla fedelmente per come appare, o per come il nostro sguardo interiore la vede e vorrebbe rappresentarla, è una delle sfide più ardue.

Il questa raccolta il poeta non adombra alcuna possibilità di redenzione individuale o collettiva. Essere liberi non è stagliarsi nel sole. Il treno alla stazione si ferma solo brevemente per lasciar scendere qualcuno e per lasciar salire qualcun altro: Quando il treno riparte, i personaggi si materializzano sul foglio, dolorosamente nitidi, prigionieri della medesima banalità del proprio soffrire. Tutti gli attori di questa grottesca commedia umana sono accomunati dalla debolezza, dalla fragilità della propria indolenza, o dalla crudeltà di un destino imposto e interiorizzato.

Tutti questi personaggi hanno un nome ma potrebbero non averne nessuno, o infiniti. Tutti questi personaggi, nominati e tratteggiati, eppure anonimi e senza volto, sono schiacciati dal peso dal medesimo oscuro sentimento di precarietà, rosi dal tarlo della medesima incertezza. Il poeta si aggira senza paura tra lo sporco, il rumore, la marcescenza, il contagio del male che si propaga strisciando ai nostri piedi e ci corrompe.

Il sangue si fa crema, schiuma, le gambe si allargano, si gonfiano le nocche cedono i tessuti. La malattia produce acqua e persino la nascita brucia. Che sono muffe nere nella testa. Ha alberi leggeri come elio, terre dure per coscienza. Sogna marmotte narcotiche mentre il bianco dei boschi vira al gas. Non per riscatto ma per vendetta. Nella lattina ti ho sentito respirare e un calore mi è salito alle labbra. Dormi nei sospiri più lunghi della notte, animaletto accoccolato dentro la pupilla.

Hai la pelle bianca e le guance disegnate con furore. La memoria ha stanze immense camere colme di specchi polvere impraticabile. La nuova raccolta di Giovanni Granatelli è una versione musicale della melodia del reale, una trascrizione in note di immagini, persone, situazioni e scorci naturali.

La parola è per Granatelli materia viva e pulsante, è movimento. Osservare significa per il poeta annotare, prendere appunti, farsi foglio bianco su cui possa incidersi il senso immediato delle cose: Per comprendere il paesaggio e trascriverne la musica non occorre porre domande, non occorre nominare, né cercare di racchiudere in parole.

È sufficiente spalancare gli occhi, affinché il mondo vi entri e possa raccontarsi: Il poeta stesso non è dunque compositore di una nuova musica. Senza timore, sguscia dal buco nero e urla la sua presenza, la sua esistenza fragile e potente, che di volta in volta assume la voce di bambina, adolescente, donna adulta…. E la si trova. Tra le pagine, infatti, si percepisce il tracciato dei Maestri del Novecento, che Roberta evoca a più riprese con gli echi di Montale, Zanzotto, Luzi… Non solo: Nella fabbrica dei versi si lavora con il vetro , un materiale poetico per eccellenza.

Il vetro è un materiale delicato e crudele, come la scrittura di questa giovane autrice classe Quella della Sireno non è solo parola che libera: E soprattutto, con una onestà che spiazza, dichiara la sua reazione: Tutto questo ha un sapore di compiutezza, accanto a quel senso civile che, sempre e comunque, deve avere la poesia.

E anche la variazione sul tema cavalluccio di mare , o ippocampo , come in una partitura musicale, si ripropone con caratteri e toni differenti. La parola resta sospesa tra il cielo e la terra, proprio come una creatura alata, nella ricerca continua.

Qui stanno le creature alate, che paiono magiche nella loro semplicità e levità: Ogni cosa ha radice nel vento, a cominciare dalla parola, dalla sua gravità che si insinua tra la levità del soffio e la durezza della pietra. Sono i simboli della poesia di Liliana, portano con sé la fragilità e la bellezza, il dolore e la sua necessità, per comporre un codice nuovo: Ed ecco che le cose, le presenze, gli sguardi prendono forma, si ribellano alla loro immobilità, prendono vita sulla pagina: Siamo acqua che ride e morso del serpente, una casa, delle cose che abbiamo toccato.

Le mie parole sono farfalle insanguinate. Hanno la reticenza del dubbio il bianco della neve sono passi a ritroso verso il silenzio pagine di un libro sfogliato dal vento. Veloci transiti e fughe: I polpastrelli abrasi confondono i volti.

Siamo materia di disordine, distanza. Non è dato che questo andare, e la luna, e il gelo che brucia le foglie. Eppure pareva impossibile il cielo. Tragitto inverso — il nostro vedremo, al buio? Stormi di tordi, frosoni e crocieri in volo verso il sole.

Tornavi fiero, nei giorni buoni, con un mucchietto inerte di becchi, zampine e ali. Sbando come lo stormo in volo. La prima delle cose buone è la luce. Coral Bracho mette in scena le presenze che cantano, non se stessa. Perché la voce e non la scrittura? Perché la voce è nata prima della poesia. Perché qui, in questo libro, si parla solo di assoluti.

Bracho non fa vedere se stessa che canta e non loda il canto in sé. Bracho loda la presenza della presenza — che canta — e osserva i passi della negazione che dilaga, per forza. Ma nella retorica scatta un come: Quindi non era una negazione assoluta.

Era la presentazione di qualcuno che a differenza di tutto fa qualcosa, a modo suo. La negazione deve essere osservata come la osserva il buon attore visionario alla fine del Settimo sigillo di Bergman. Ora sappiamo chi è il buffone: È lui che salverà dalla danza macabra una dolce moglie e un dolcissimo figlio, durante una notte di tempesta.

Ovviamente negherà anche se stesso alla danza finale. Perché è visionario o perché è un buffone? O bisogna essere buffoni per essere visionari? E bisogna essere buffoni nei carrozzoni per non cadere nella tragedia con tutto il corpo? Bisogna essere uno zero come Le Fou dei tarocchi marsigliesi: Il lettore prenderà Quello spazio, quel giardino come un avvertimento. Il lettore dovrà arrendersi presto: Difficile anche da distillare in aforismi.

Il segnale che è tradotto in poche glosse, qui. Allora faremo spazio al buffone: Es la frescura de sus voces recorriendo el espacio, vertiendo entre hondonadas de luz, su azar de viento y de extensiones. Es la tersura de sus voces ardiendo en desbandadas de gozo, de brillo intacto, de plenitud. Nada lo ciñe y lo ahonda como esos ecos. Ojos niños que irradian infinitud.

Nada encarna en la vida y la estremece; nada afirma su cuerpo y su sed, su voz, como esa cifra de lo eterno en su centro: Una gota, un arroyo, una corriente: Es el mar reverberando sus formas, irguiendo en espesores de fuego sus masas, su orbe encabritado y frondoso; montañas de agua, de sol.

En él se pierde y reaparece. Es la tortuga de piedra frente al azul; es el almendro contra el cielo. Un bufón muestra en la mano el tallado cristal: Se ve el jaguar acechando entre juncales.

Sobre la mesa blanca, en su reflejo sostenido, un nautilus. En su vórtice vítreo: Un cuenco, un brillo de incidencia. Es una vasta construcción sobre el mar. Amplios corredores se extienden sobre blancos pilares.

Las terrazas abiertas sombrean las olas, y uno se interna y cruza por insondables extensiones. Va la mirada inaugurando los trazos, van las pisadas centrando la inmensidad. Vemos transparencia en los muros, transparencia en las densas, despiertas olas y una alegría nos roza como un augurio, como la aleta fina y sigilosa de un pez.

Es la memoria el viento que nos guía entre la noche y en ella funde su tibieza: Nos va llevando, nos va cubriendo con su aliento. Y es su suave premisa, su levedad la que entreabre esas puertas: Balcones, cuartos, aromados pasillos. Salas de inextricable y nítida placidez. Ahí, entre esplendores recién urdidos, bajo el espacio imperturbable, recobramos, a gatas, la expresión de los muebles, su redondeada complacencia: Todo nos cubre entonces con una intacta serenidad. Todo nos protege y levanta con gozosa soltura.

Manos firmes y joviales nos ciñen y nos lanzan al aire, a su asombrosa, esquiva, lubricidad. Somos de nuevo risas, de nuevo rapto bullicioso, acogida amplitud. Todo nos retoma y nos centra, todo nos despliega y habita bajo esos bosques tutelares: Agua goteando; luz bajo las hojas intrincadas del patio.

Ahí volvemos, ahi enredamos nuestras voces. Y un bienestar incontenible, una ceñida plenitud nos embriaga. Somos, entre esos trazos, inmensidad. Somos su deslumbrada coyuntura. Ellos, los muertos, nos miran con sus ojos ahondados, con su encendido corazón, y un desconcierto de niños, un sobresalto desolado nos toca,. Ojos de jaguar son las hojas que cimbra el viento.

Fuego las deslumbradas mariposas. Y su voz se abre a un hondo cavilar de la tierra, a un hondo y tierno rememorar: Es su canto ancestral una cascada suave, una ventana abierta a los cantiles del sol. Todo era incendio entonces: Como un jaguar que en la noche se desplaza entre lirios. Como jazmines que enciende el viento sus palabras se tocan: Su canto fluye y nos despierta.

Rojo sobre un sepia animal. Un peldaño de hielo y otro? Todo el reflujo ardiente de la piedra. Es trazos leves y frescura la montaña; su luz. Lenta cascada entre la calma su ceñido cristal. Lenta, torneada flama su interno gesto contenido: Aliento intacto que protege. Brasa profunda que fluye y se alza desde otro tiempo, bajo otro rapto, otras fisuras. Todo el deslave pétreo de las nubes, su torneada unidad. Y ahí, en el centro, en esa lanza —como un rescoldo inverosímil su estridencia , como un error irreparable, una fractura fulgurante su sesgo añil— la cabeza del moro.

Baja la reina a la capilla, llegan las damas. Se alza, cauto, el rumor de los espectadores. Algo ficticio tiembla, se enciende dentro. Y es el bufón que observa entre las matas y rompe el hilo: Se alzan los tenues velos.

Como un rescoldo inextinguible; como un candil. Rompe el bufón la red de los espectadores. Barre el alarde de los puestos. Entre las formas tenues de las piedras bajamos. La noche se abre en la ladera;. O aquella calma retenida: Es una alcoba, luego una estancia que se extiende entre el olor de arena. Los espacios convergen; se integran en esa trama, la respiran; dejan su honda quietud. Y de pronto, en los bordes, las sombras cambian. Es el niño que juega entre los andamiajes.

È lo splendore delle loro voci che ardono in sbandamenti di gioia, di lucentezza intatta, di pienezza. Nulla lo cinge e scava come quegli echi.

Occhi bambini che irradiano infinità. Una goccia, un ruscello, una corrente: In lui si perde e riappare. È la tartaruga di pietra di fronte al blu; è il mandorlo contro il cielo. Un buffone mostra nella mano il cristallo intagliato: Si vede il giaguaro appostato tra i giunchi.

Sul tavolo bianco, nel suo riflesso sostenuto, un nautilus. Nel suo vortice vitreo: È una vasta costruzione sul mare. È il suo dispiegarsi. Ampi corridoi si estendono su bianchi piloni.

Le terrazze aperte ombreggiano le onde, e ti addentri e attraversi insondabili estensioni. È la memoria il vento che ci guida nella notte e in essa fonde il suo tepore: E ancora ci porta, ci copre, col suo respiro.

Ed è la sua soave premessa, la sua levità a schiudere quelle porte: Balconi, stanze, corridoi colmi di profumi. Tutto ci copre allora di una intatta serenità. Tutto ci protegge e solleva con gioiosa disinvoltura. Mani ferme e gioviali ci cingono e ci lanciano in aria, loro sorprendente, schiva, oscenità. Siamo risa nuovamente, nuovamente chiassoso rapimento, accolta ampiezza. Tutto ci riprende e impernia, tutto ci dispiega e abita sotto quei boschi tutelari: Acqua gocciante; luce sotto le foglie intricate del patio.

Cedro, sandalo, puro eucalipto. Qui torniamo, qui aggrovigliamo le voci. Siamo, tra quei tratti, immensità. Siamo la sua abbagliata congiuntura. Loro, i morti, ci guardano con occhi inabissati, col cuore incendiato, e uno sconcerto di bambini, un sussulto desolato ci tocca,. Dove lasciamo questo spazio? E nei loro occhi precisi e alienati vediamo quella stessa domanda: Dove lasciamo, dove lasciamo quello spazio?

Occhi di giaguaro sono le foglie che scuote il vento. Fuoco le farfalle abbacinate. E la sua voce si apre a un profondo meditare della terra, a un profondo e dolce ricordare: Nel suo canto ancestrale una cascata soave, una finestra aperta alle cantilene del sole.

Tutto era incendio in quel momento: Come un giaguaro che nella notte si muove tra i gigli. Come gelsomini che incendia il vento le sue parole si toccano: Il suo canto fluisce e ci sveglia. Tutto il riflusso ardente della pietra. È tratti lievi e freschezza la montagna; la sua luce. Lenta cascata nella calma il suo denso cristallo. Lenta, tornita fiamma il suo interno gesto contenuto: Respiro intatto che protegge. Brace profonda che fluisce e si leva da un altro tempo, sotto un altro rapimento, altre fessure.

Tutta la pietrosa frana delle nubi, la sua tornita unità. Scende la regina alla cappella, arrivano le dame. Si alza, cauto, il mormorio degli spettatori. Ed è il buffone che osserva tra i cespugli e spezza il filo: Si alzano i sottili veli. Come una brace inestinguibile; come una lucerna. Rompe il buffone la rete degli spettatori. Spazza via lo sfarzo dei vestiti. Tra le forme sottili delle pietre scendiamo. La notte si apre sul pendio;. Oh quella calma trattenuta: Le sequenze che scorrono, agili.

Gli spazi convergono; si integrano in quella trama, la respirano; lasciano la sua profonda quiete E a un tratto, sui bordi, cambiano le ombre. È il bambino che gioca tra le impalcature.

È nata a Città del Messico nel Tra i suoi libri di poesia ricordiamo: Ha pubblicato inoltre i libri per bambini: Jardín del mar e A dónde fue el ciempiés Tra i vari premi letterari ricevuti si segnalano: Suoi testi sono stati inseriti in antologie latinoamericane e suoi libri sono stati pubblicati in diverse lingue. Tutti i particolari sono in cronaca. David Huerta è un poeta immenso. Nel senso della sua gloria personale, prima di tutto. Huerta lo sa, per forza. Non contro di loro, ma per mezzo di loro: Huerta insegna come si scrive il curriculum vincente: È un curriculum da poeta a poeta.

È per noi che Huerta fiorisce? Scrive un manuale di poesia, uno dei molti manuali possibili. Il lettore deve fiorire. Leggerà La strada bianca rompendo le righe.

Cercherà i testi sulla poesia, cioè sulla mescolanza di complessità internazionale e sinestetica — utilería — che per Huerta è la poesia: Entropia a Wiesbaden , Impiegato , La dimensione ignota. Trattato numero 1 e numero 3 , Dichiarazione di antipoesia. Alla lettura non seguiranno esami pubblici, ma solo esami di coscienza, non troppo feroci. Nella nuova casa abbiamo letto La strada bianca.

Un giorno capiamo che il linguaggio è pieno di cose chiare che giocano a vista. Ci credevamo bravi enigmisti e autorità del sadomasochismo, scritto e orale. Invece possiamo rifarci la bocca e la dignità, prima di perdere il gusto. Desciendo a la blancura de esta mano, esta mesa.

Overhearing myself, me digo: Y ahora bajo, desciendo a la blancura de esta mano delgada y a la madera de esta mesa in albis. Bajo, desciendo por escaleras hechas de vicio y pantagruelismo, desecaciones y escalones mullidos. Me esperan esta mesa, esta mano. Mesa delgada y blanca, mano de venas evidentes — tu mano de amor y desasimiento, tu mano que me toma y es un vaso de pureza esbelta. Por el romano muro te asomaste a ver la calle alemana bajo la lluvia tenaz y declinante. Lo que viste fue el bullicio, la fractal escritura del desgaste europeo.

Nada que contar de regreso, nada sino la lluvia ahora pertinaz y final. La sílaba ancilar —interjección, corto fonema, esferoidal punto y aparte de sonido— guardaba lenguajes, novelas, mitos, llamaradas de épica, delirios descomunales de lirismo. Esta cosa intangible que de repente se despliega con un furor de dragones suspendidos en un líquido cobrizo debe ser el cielo sobre Earthsea.

Este conglomerado de abstracciones y de ciencia infusa de pronto se vuelve un astillado esplendor en la maraña renacentista de Florencia. Son el mundo conversado y silencioso, los momentos agridulces de noches y tardes pobladas por minuciosos cosmos de sonido y sentido. Son parte de la utilería para el teatro de escrituras determinadas, circunscritas por un aliento de pertenencia y vicisitud.

Son residuos junto a otros residuos, brillan o lentamente se eclipsan entre las lunas turbias del aturdimiento civil, en las trituraciones de las escuelas. Se deslizan en la tentación del plagio, se desdoblan y reaparecen, luego de ocultarse en los pliegues de la vanilocuencia y la historia. Se hundió el texto en él —al revés de la imagen tradicional: El texto recorrió sus ojos, su cabeza, sus manos. Parecía tener una voluntad propia, una fuerza flexible, en todo semejante a la de un atleta.

De la garganta le salieron volutas de brisa. De los ojos surgieron aguas y tintas, los nombres en su silencio y en su plenitud, como espíritus. Él, resignado, lo recibió en el vaso transparente de su prosodia espléndida. Sobre el Gólgota de la conciencia que se eleva desde los turbios encadenamientos del cuerpo dormido, se depositan clavos, coronas de espinas, gallos.

Desastres a deshoras rayaban la visible blancura del minuto. Los minutos se hacían cuartos de horas y éstos se ensanchaban rumbo a las dos de la tarde, fatídicas, en que debía cerrarse la puerta del despacho antes de vacaciones. El oficinista suspiró, derrotado. El minuto blanco se materializó en una hoja ante la mirada estupefacta y exhausta. El oficinista comenzó — como en la cresta de leve ola, en un océano calmo— escribir un poema, sí, un poema, un cuento, heraldo y testimonio de su derrota, de heroica Renuncia.

Discendo alla bianchezza di questa mano, di questo tavolo. Overhearing myself , mi dico: E ora scendo, discendo alla bianchezza di questa mano scarna e al legno di questo tavolo in albis. Scendo, discendo scale fatte di vizio e pantagruelismo, essicazioni e soffici scalini. Mi attendono questo tavolo, questa mano. Tu, il tavolo, colui che discende e chiamo io, vestigio e fiammata dei minuti. Dal romano muro ti affacciasti a vedere la strada tedesca sotto la pioggia tenace e declinante.

Molto denaro, fini vestiti, rigorosi edifici, gesti aspri, cibo scadente — Goethe, infine, nel suo aulico, boschivo e patriarcale ruolo di santo doctus, poeta enciclopedico. Niente da raccontare al ritorno, niente oltre la pioggia insistente e finale. Un sorso di Spirito Santo entrava dalla bocca dei minuti — ma tu, presente, più scupolosa del Medio Evo della Foresta Nera, testimoniavi il sermone puritano e il sedimento post-industriale, le parole eclissanti di qualunque accademico, i consigli di qualche editore distratto a Francoforte.

Ridusse la sillaba ancillare alla sua più piccola scintilla di potere, microcosmi di talismani sciamanici e di congiure lillipuziane. Nel palmo della mano vide, allora, brillare i regni infinitesimali, in fuga verso il sempre più piccolo.

La sillaba ancillare — interiezione, breve fonema, sferoidale punto e a parte del suono — serbava linguaggi, romanzi, miti, fiammate di epica, enormi deliri di lirismo. Questa cosa intangibile che a un tratto si dispiega con un furore di draghi sospesi in un liquido ramato deve essere il cielo sopra Earthsea.

Questi mormorii di azzurra invisibilità incassati nello schermo transparente del pensiero di colpo divengono fragranti bicchieri orfici e terririficanti sette apollinee. Queste curvature e guizzi della tipografia, lente ondate di parole offerte ai turbanti insonni, fragori epici spiegati in versi e versetti caraibici,.

Sono il mondo conversato e silenzioso, i momenti agrodolci di notti e sere popolate da minuziosi cosmi di suono e di senso. Sono parte delle utensilerie per il teatro delle scritture determinate, circoscritte da un respiro di appartenenza e vicissitudine. Sono voci su foglie, mormorii o grida nella landa, segreti nelle strade e lungo i viali affollati.

Sono residui uniti ad altri residui, brillano o lentamente si eclissano tra le lune torbide dello stordimento civile, nelle triturazioni delle scuole. Scivolano nella tentazione del plagio, si spiegano e riappaiono, invece di occultarsi nelle pieghe.

Il testo gli percorse gli occhi, la testa, le mani. Pareva avere una volontà propria, una forza flessibile, in tutto somigliante a quella di un atleta. Rapide scritture gli percorsero i capelli, la pelle, le dita. Dalla gola gli uscirono volute di brezza. Dagli occhi sgorgarono acque e inchiostri, i nomi nel suo silenzio e nella sua pienezza, come spiriti.

Egli non volle che la chiarezza di osservare attraverso la finestra della poesia gli esseri e le cose. Egli, rassegnato, la ricevette nel bicchiere trasparente della sua prosodia smagliante. Della sua poesia raccogliamo la pallida cenere che negli occhi del lettore si muta in splendore, in luce, in fiammata. Sul Golgota della coscienza che si eleva dai torbidi incatenamenti del corpo addormentato, si depositano chiodi, corone di spine, galli.

Disastri a ore indebite rigavano la visibile bianchezza del minuto. Si tratta della popolazione italiana , ovviamente. Ecco perché guardiamo Claire Askew come un banco di prova per certe convinzioni. Claire appartiene in pieno a questa generazione. Dai tatuaggi o dal curriculum? Il corpo canta bene, sempre, ma nel libro ci sono solo i testi della mosca bianca, e nemmeno una fotografia. Sono abbastanza giovane per decifrare il suo linguaggio: Senza Rete la poesia di Claire non è difficile.

Ma la Rete di Cosmopolis spiega tutto. Oggi tutto è Cosmopolis — basta volerlo sapere e vedere —, e nascere anglofoni aiuta. Non per edonismo e non per superficialità. E Claire vive in questo automatismo: Il godimento dei vecchi è la velocità raggiunta, impensabile.

Forse non ci saranno più le grandi Esemplari autodistruttive del grande Stile e della Confessione. Niente Plath, niente Sexton, niente Rosselli. Perché non contano più le domande senza risposta, per le quali si muore se si è troppo santi per vivere.

Ora conta un altro fatto: Claire coltiva il culto degli antenati. Ne ha tratto il materiale per dire qualcosa di suo. Claire ci osserva e ci mangia tutti. Dalla vetrina del bar sorride e prende.

Siamo tutti esposti a lei. In cambio, si fa leggere. Shelter is the only really necessary thing. Every creature has its burrow, bolt hole, cave, its fist of twigs. Just make it safe, a place above the flood plain: That, and water somewhere near, the good, clear kind that scrubs itself clean through the stones and flows all year without a freeze. A nesting bird for eggs. Some plants, a patch of dirt, some basic tools. A shovel and a pan.

But then, your square of soil might spoil its seeds. Now there must be hands to help: The shelter shrinks, the feed bags thin, you need a needle, thread, a pot, a kiln, a cart. There must be markets, good roads leading in.

Give him your gun and get another. Make your shelter taller, stronger. Now you have an acre, need an engine, need an engine shed. A slaughterhouse, a pit for rotting things, incinerator, chimneys made of brick, cement. Good rivets, chicken wire — no, barbed. Long flat cabins for your hired hands. The shelter must be strong, the water pure. The soil must nurture tall, true wheat, the hands work till the yield is in. The lamp must strike, the gun must kill its target cleanly. This is all you want.

This is all that anyone wants. If I move now, the sun naked between the trees will melt me as I lie. Because I am the one who speaks English, they call me outside. In the street, in an elbow of weak light thrown by our porch, two tourists mumble like fat, white grubs. The boy comes up the steps to me, hand round a bad map someone drew.

His face is hot, red, wet as a tongue. The girl is crying. They are looking for a house that, when they find it, will be shuttered, lime-scale white and dry. I trained my babies early not to dehydrate themselves this way.

I know it will be morning now before this girl, her massive backpack full of useless things, can find the market, buy a quart and pull that water back inside herself again. She sputters thank you in our language. Things that thrive here: Old women whose hands and feet are tough, whose men worked boats or built homes all day in the big heat, and died young.

Slow flies the size of grapes. None of us sleeps. What you learned best was the fact of your disgustingness. How vile you were.

The hairstyle that your Mum still cut; your Mum; the blush of rage. Your neck, never adorned with friendship beads or later, hickies. They thought that life would always hold the door for them, or for their looks, their smart high-kicks — did it matter which?

You believed it too. The softest part of you believes it now. Wakefield, you dirty bitch. You patron saint of brickyards and rickets, leaky filling in the mouth of the North. There is no better word for you than slag. Wakefield, the ultimate lousy lay — mutton-dressed catastrophe, shoving your hands down the jeans of strangers in doorways on the Westgate run, and hiccupping kisses at Leeds.

Shaky Wakey — your phone number inked in the single stall of the gents at the Cock and Dolphin alongside the words for a good time call… Wakefield. You fag-end of cities; you district of many a dirty black mouth, all stoppered now and blowsy with hate. Wakefield, you flag-decked capital of chavs. Captain Frank, retired, is He has no car, no dog and no TV, but lives the tiny dramas of the street. I looked up once from stacking wood and found him at the front gate with a gift for me: A storm is on its way, he said.

Controvoglia saltai dentro abbandonando il tram. Poesie scelte , Edizioni Kolibris A cura di Chiara De Luca. Oggi vi facciamo leggere la prefazione che José Carlos de Vasconcelos ha scritto per Piazza della canzone. A gennaio Edizioni Kolibris pubblicherà il nuovo poema di Francesco Benozzo: La capanna del naufrago in edizione bilingue, con la traduzione di Gray Sutherland.

Saubere Sepiazeichnung, angeborene Schwermut gesteigert durch den Tod des Bruders kleinformatiges Bild, dunkle Rückenansicht der beim Schlittschuhlaufen ihn rettete und selbst ertrank. Abgewandter Schmerz einer vordergründigen Figur, die sich hineingedrängt von wem geduldet?

Brandung des Textes, der in der Schwärze der Schrift erstarrt. Wie nannte der Maler den Horizont? Streifenleben, Strichleben das Himmelsleben bleibt den befriedeten Theologen.

Der glückliche Maler macht in der Ausstellung einen Handstand trifft einen weniger glücklichen Maler mit dem Schuh an der Stirn. Reise in den Norden: Seebären von einst, die jetzt an Stöcken gehen brummelige Leute mit flachen Mützen und blonden Träumen im Rumtopf Kandiszuckerkalkül, Pflaumen wie Sprengköpfe Schlaganfall, Verdienstausfall, Schlagabtausch mit dem Wind kariert denkende Kabeljaugrätenkauer, Gischt im Kosakenbart.

Dolore scongiurato di una figura in primo piano, che si addentra da chi tollerata? Vita della terra capovolta in verticale, capogiro piedi in aria, sussurrando in basso tedesco: Uomini in sandali irrompono durante il viaggio a nord che termina sul ciglio grigio-ghiaccio della terra, precipita, perde i viaggiatori.

Risacca del testo, che impietrisce nel nero dello scritto. Nostalgia di restare lontano. Striscia della vita, linea della vita la vita del cielo resta ai teologi soddisfatti. Sostituzione della pittura di Dresda da parte della scuola di Düsseldorf efficace grandinata, tramonto con bianco stallone. Il cielo scivola nella tasca dei calzoni una grande chiave chiude la cerniera dei pantaloni. Foche di una volta, che adesso vanno a Stöcken gente che borbotta con berretti piatti e sogni biondi nella frutta al rum calcolo di zucchero candito, prugne come testate colpo apoplettico, colpo al portafogli, scambio di colpi col vento rosicchiatore di lische di merluzzo dal pensiero a quadretti, schiuma nella barba da cosacco Noi piccola gente e i GROSSI eppure nel quadro solo marmaglia di gente, che non osa, cosa?

Ma gli uomini si sono spinti al punto da non riuscire più a vederla per quella che è, cercando invece una totalità, in cui la vogliono legare e strangolare Ludwig Tieck: Caspar David Friedrich, Landschaft mit Regenbogen. I am the point of balance, a glass of iced water at the half-way hotel. I promise and — old stager — I deliver. What happens in the end is no business of mine: Though it may please you all to call me dash, I am not, if need be, incapable of patience.

Good renumeration and bonus packages. Company isn't technically minded, never will be. Totally inept in terms of technical knowledge and experience. It speaks volumes when your more qualified than your manager Well run, people-oriantated company.

I enormously enjoyed my time at Sodexo Prestige. I was a university student at the time and the flexibility of the work was crucial. I was always impressed by the quality of the management and the basic respect it has for its casual workers. Sodexo also provided me with ample opportunity to advance my experience and responsibility and makes a point to recognise and reward hard work and talent.

I highly recommend this company. Friendly and nice place to work. A typical day will be about 4 hour shifts if you are food staff, this varies but often the people with more experience and who have worked there longer building relationships with their managers got opportunities to work longer if desired. The workload is fair, there's a big team of people to help if you need it.

A lot of young staff so making new friends is easy. Sometimes randomly moved about which can be difficult as many areas have very close friendships. Difficult to move from areas once selected for them and different working areas have very different rules for tips.

Overall a good experience and I would recommend to people for a part time job. They will literally take on anyone, which is great for unqualified students like me.

Minimum wage and zero hours but this was ideal for full-time students. The Senior Management leave a lot to be desired. The staff and Senior Officers are great and try their best on a daily basis. Staff retention is appalling and the HR department does not understand how to recruit on time and the right people. The shifts are all jumbled up with no sequence and not working time compliant - there are shifts of only 5 hours and then other shifts of 14 hrs.

It is not uncommon to work 24 hrs if an escort is required due to staffing levels. There is also a strong case of "jobs for the boys" where even if you are the correct person for the role external people will be brought in, including the bosses son!

Sodexo is actually a great company but unfortunately Addiewell has bad management. Not a fun to work. More chefs are needed in order to reduce the long hours and not having to work every other weekend For the long hours and the job being so tedious I think the money should be more. A day at work would consist of following paperwork and legislation. Cooking for staff and patients about 50 a day.

Adhering to dietary guidelines. It has taught me a lot of nutrition. Lei sedeva qui sulla sua sedia, sorridendo verso il fuoco; lui suonava in piedi laggiù, archeggiando forte, forte. Puerile, danzavo in un sogno; benedizioni adornavano quei giorni; tutto arse in un barlume; eppure guardavamo altrove! Quando il Presente avrà serrato la porta dietro il mio tremulo passaggio, e il mese di maggio scuoterà come ali le sue gaie e verdi foglie, di soffice lanugine come seta appena filata, i vicini diranno: Tale è la misura stellare dello spettacolo terrestre, nazione in lotta con nazione, menti che brulicano, eroi, e donne più belle dei cieli?

I gabbiani stridevano su di noi, e le onde sembravano distanti in un cielo inferiore, intente a ripetere il loro incessante chiacchiericcio mentre insù noi ridevamo a cuor leggero in quel limpido giorno di marzo. Sei tu che sento?

Lascia allora che io ti veda, eretta come quando venivo in paese e tu mi aspettavi: Oh, è solo la brezza, nella sua noncuranza che mi arriva sin qui, attraverso gli umidi prati, tu che non sei mai stata dissolta in una pallida assenza, ti senti ancora vicina o più lontana?

Di notte quando i fiori più vivi si volgono neri quelli che una volta vi sedettero ritornano; una schiera vera e propria si raccoglie, una schiera vera e propria si raccoglie. È come se tutti gli splendidi pasti di cui è stata fatta la mia vita, le tavole esotiche cui mi sono seduto non fossero mai esistiti, come se mentre facevo.

La gentilezza mi adesca. Il fatto è, alla fine,. Chi è perduto non riconosce più se stesso. Poesie scelte , Edizioni Kolibris , When I discover a carrot, like this one, grown old, forgotten on a shelf behind bottles of oil, herbs and spices, all those nouveaux arrivés, I feel myself.

The politeness accosts me. Almost as frail as my father in his hospital bed those last long months, this carrot seems to have something to tell me.

The fact is, in the end,. The lost no longer recognise themselves. And so it goes for all our vegetable loves:. By candle-light, the wavering text. The pen he drives above the words A wing in flight, its urgent pulse In dialogue with what he reads As ventricle with ventricle Exchanges confidence and blood, Telltale and intimate, profane , Its nib a beak, its nib a noise Of rookeries, of pinions. From these alert, immediate flights His essays grow, his tales arise Like Pandemonium from the dark Exhaled, and Lucifer close by.

Into a text he plummets, soars, And moonless rides its hurling waves; Returning, perches on a plinth And croaks his chilling negatives. What might it say if moral terms Took a fresh turn? The frayed homespun, The bold primeval, street satire, And patriotic garbage too Were effortful and treacherous. What might inherence give rise to? In his cold flickering studio Visit his windows on the night, Frames with their inked out canvases Emitting melodies, not sense; Pain, pleasure no analysis Can circumscribe or make disclose In paraphrase a prose idea.

His wife was dying. He stayed poor and she died, a girl He loved. His poems envisaged death. It came, it went. No Orpheus, And nothing said and nothing meant And nothing say and nothing mean Except the spell you cast and what A spell can conjure out of naught. A lume di candela, il testo vacillante. Da questi vigili, immediati voli crescevano i suoi saggi, scaturivano le storie come un pandemonio dal buio esalato, e Lucifero accanto. La moglie stava morendo.

Le sue poesie affrontavano la morte. In he wrote to Duyckinck: Poetry, needlework, pianoforte Were things girls did, refinements, added polish. When it came to books, he was like other boys. Pequod, Queequeg and his faith are all drowned. And last, the good ship Rachel Misses her bobbing child and sets with the moon. Your book of ends. I am Jonah, survivor of the white whale. Nel scrisse a Duyckinck: Poesia, cucito, pianoforte erano cose da ragazze, raffinatezze, davano lustro.

Rispetto ai libri, era come tutti gli altri ragazzi. Pequod, Queequeg e la sua fede sono tutti annegati. E infine, la buona barca Rachel perde il figlio gorgogliante e tramonta con la luna.

Il tuo libro dei fini. Sono Giona, sopravvissuto della balena bianca. You never read his Leaves? Your book too, like his, is appalling, Miasmic, it changes with each reading, Etching the living bone with diamond.

Your life was uneventful only In the sense that no events attach The vivid crises of your poems. You lived out the War Between the States: Then the wounded came home, and the dead In boxes, as ghosts, or not at all.

Missing, you waited for the missing, For twenty years, patiently, after The war was done, in your snowy dress, In your anxious room, as a widow Knows what cannot be and yet it is: Feel his breath, a light kiss on the nape.

Or you wait for Christ. If only your knees would bend! Autumn Buried by solving snow. Saint Teresa knew what you learned, too: In the particulars of this world Only, if at all, can His wounds, His Love be inferred, the transcendent Hoc Est, or not at all.

Inherences, Or untenanted from fiat lux For ever. Non hai mai letto le sue Foglie? Ora considera te stesso! La tua vita dapprima offerta sul felice altare delle convenzioni, poi meschinamente riacciuffata. Sei sopravvissuto alla Guerra tra gli Stati: Poi i feriti giunsero a casa, e i morti in scatole, come fantasmi, o non giunsero affatto.

Se solo ti si piegassero le ginocchia! Autunno sepolto dalla neve al disgelo. Santa Teresa sapeva quel che anche tu imparasti: Inerenze, o desertato dal fiat lux per sempre. He learned to be a Puritan in winter. The widow turns the pages and the children Crane, question; they share the chaste stuttering light. He releases each heroine from her story, Removes her robes and, clothing her with desire, Banks night after night the furtive ecstasies And the incremental guilt that Hester Prynne Is the most artless and aberrant child of.

His darker thoughts are luminous. Like a cat, He sees in the dark. Like a demon he watches Darkness herself shake out her abundant hair. He turned his haunting ancestors to fiction.

Banished, or set free? Reluctantly he clings, As if caught in bird lime, to the sill. His language gropes, things and Nothings. Lui apprese a essere un puritano in inverno. La vedova gira le pagine e i bambini allungano il collo, fanno domande: Come un gatto, vede al buio. Controvoglia aderisce, come a una pania per uccelli, al davanzale. La lingua brancola, cose e noncose.

Ha studiato al Wadham College di Oxford. Officer of the Order of the British Empire per il servizio reso alla poesia. Sans phrase — das wolltest du nicht mehr zwischen zwei Zügen nie mehr aufgeflogen sein mit gesattelten Taschen beschwert hasenherzige Aufbrüche in alle Winde, die dann schräg von rechts ins Gesicht die dann blasen nie mehr und Zugluftkatarrhe als Stars der Saison. Il futuro degli emigranti. Sans phrase — non volevi più essere sballottato tra due treni con le borse sellate ponderate paurose partenze in tutti i venti, che poi di traverso da destra sul viso che poi non soffiano mai più e una corrente di catarro come stelle della stagione.

Caroline Clark è nata a Lewes in Sussex nel Ha scritto saggi su Paul Celan e Osip Mandelstam. Ha tradotto la poetessa russa Olga Sedakova. No widget added yet. Dalla crepa sul tuo volto alitano voci impastate della cenere che orla il precipizio di un tempo elastico.

Sentono sbocciare i fiori come delfini premonitori che fendono il sangue controcorrente. Abbiamo camminato circospetti, negli orecchi il metronomo dei passi, senza voltarci indietro, ma senza neanche smettere un istante di sentire la risacca delle voci, di vedere il farsi e disfarsi dei volti nella spuma che sbianca i bordi sfrangiati della memoria.

Più volte ci siamo chiesti chi fosse a tenerci la mano, a chi finivamo per trovarci abbracciati quando la reticenza dei fiori diventava insopportabile lungo il cammino segnato dal bianco delle ossa. Facciamo che tu eri Euridice… e siamo entrati in un imperfetto senza tempo, raccoglievamo volti fiori e baci avvizziti di amanti infelici. Il tuo seno mi offriva qualche minuscola goccia salina quando lo succhiavo insieme alla notte e tu ti riposavi del viaggio che ti restituiva alla luce.

Come critico si è occupato soprattutto di poeti del Novecento mentre Poesie di Knute Skinner e La mano di Dio di Paul Polansky sono le ultime cose tradotte.

Attualmente vive a Barcellona. Una delle classi era composta di ragazzi con famiglie dissestate, padri carcerati, bisogni incolmabili e rifiuto per qualunque dinamica educativa. Gli alberi erano intorno, in ogni mio spostamento. Poesia messinese in dialetto , a cura di G. Cavarra, Intilla editore, Messina La traduzione recita letteralmente: Trasporto stallatico in 3 movimenti: Nel testo agiscono due riferimenti letterari.

Poeta e critico letterario. Insegna nella scuola media. Alcuni suoi testi sono inclusi in numerose antologie. È tra i fondatori del sito Carteggi letterari e tra gli organizzatori di Trevigliopoesia.

Nel è stato finalista al Premio Cetonaverde — sezione giovani. Roma, Coniglio Editore ; Distanze. Ho danzato con te ———————— e ho rinunciato a te. Qui rimase per circa dieci anni. Nel marzo è uscita presso Am Oved, a cura del poeta Meir Wieseltier, la raccolta Beer Halav Be-emtza Ir Un pozzo di latte in mezzo alla città , che raccoglie la sua opera omnia, incluse poesie giovanili e inedite. The History of Landscape Painting.

He replied to his own question, and with the unmannered — Exactness of art; enriched his premises By confirming his practice: Clouds Followed by others, temper the sun in passing — Over and off it. Massed darks Blotting it back, scattered and mellowed shafts — Break damply out of them, until the source Unmasks, floods its retreating bank — With raw fire. One perceives though scarcely The remnant clouds trailing across it — In rags, and thinned to a gauze.

But the next will dam it. They loom past — And narrow its blaze. It shrinks to a crescent Crushed out, a still lengthening ooze — As the mass thickens, though cannot exclude Its silvered-yellow. The eclipse is sudden, — Seen first on the darkening grass, then complete In a covered sky. And what are they? He admired accidents, because governed by laws, — Representing them since the illusion was not his end As governed by feeling.

The end is our approval — Freely accorded, the illusion persuading us That it exists as a human image. Caught — By a wavering sun, or under a wind Which moistening among the outlines of banked foliage — Prepares to dissolve them, it must grow constant; Though there, ruffling and parted, the disturbed — Trees let through the distance, like white fog Into their broken ranks, It must persuade — And with a constancy, not to be swept back To reveal what it half-conceals. Art is itself — Once we accept it.

He would have judged Exactly in such a light, that strides down — Over the quick stains of cloud-shadows Expunged now, by its conflagration of colour. If delight Describes, which wrings from the brush — The errors of a mind, so tempered It can forgo all pathos; for what he saw — Discovered what he was, and the hand——unswayed By the dictation of a single sense—— — Bodied the accurate and total knowledge In a calligraphy of present pleasure.

Art — Is complete when it is human. It is human Once the looped pigments, the pin-heads of light — Securing space under their deft restrictions Convince, as the index of a possible passion, — As the adequate gauge, both of the passion And its object. The artist lies — For the improvement of truth. Charles Tomlinson , da Selected Poems. Perché allora non considerare la pittura paesaggistica come una branca della filosofia naturale, di cui i dipinti rappresentano gli esperimenti?

Nubi Seguite da altre nubi, stemperano il sole — N el passargli sopra e oltre. Dense tenebre Lo imbrattano di nuovo, attenuati e sparsi — Raggi ne sgorgano inumiditi, finché la fonte Non si rivela, inonda le sue sponde in ritirata — Di puro fuoco. Colta — Da un sole vacillante, o preda di un vento Che bagnando i contorni di foglie ammassate — Si appresta a dissolverli, deve farsi costante; Sebbene là, separati e arruffati, alberi inquieti — Lascino sfilare la distanza come nebbia Bianca tra le loro fila spezzate.

I know this rose is only an ink-and-paper rose but see how it grows and goes on growing beneath your eyes: Lo so questa rosa è soltanto una rosa di carta e inchiostro ma guarda come cresce e va crescendo dietro gli occhi tuoi: Ha viaggiato molto in America e in Europa. È considerato uno dei maggiori e più colti poeti contemporanei ed è molto apprezzato anche come pittore ed artista grafico. Ha pubblicato una trentina di raccolte di poesie, molti saggi su varie letterature e tradotto da inglese, russo e spagnolo, curando alcune antologie.

In italiano sono apparsi i seguenti volumi: Nel è stato nominato CBE per i suoi meriti letterari. Que como toda empleadita de tienda soñó ser estrella de cine. Y su sueño fue realidad pero como la realidad del tecnicolor. Perdónala Señor y perdónanos a nosotros por nuestra 20 th Century Por esta Colosal Super-Producción en que todos hemos trabajado. Como toda empleada de tienda soñó ser estrella de cine.

Y su vida fue irreal como un sueño que un psiquiatra interpreta y archiva. O como un viaje en yate, un beso en Singapur, un baile en Río la recepción en la mansión del Duque y la Duquesa de Windsor vistos en la salita del apartamento miserable.

La película terminó sin el beso final. La hallaron muerta en su cama con la mano en el teléfono. Y los detectives no supieron a quién iba a llamar. O como alguien que herido por los gangsters alarga la mano a un teléfono desconectado. Tu conosci i nostri sogni meglio degli psichiatri. Signore in questo mondo contaminato di peccati e radioattività Tu non incolperai semplicemente una piccola commessa.

E il suo sogno divenne realtà, ma come quella del technicolor. Perdonala Signore e perdonaci per la nostra 20 th Century per questa Colossale Super-produzione in cui tutti abbiamo lavorato. E la sua vita fu irreale come il sogno che uno psichiatra interpreta e archivia. La trovarono morta nel suo letto con la mano sul telefono. O come uno che ferito dai gangsters allunghi la mano verso un telefono staccato. Ernesto Cardenal è un poeta nato in Nicaragua il 20 gennaio del È conosciuto per le sue idee politiche marxiste e la sua difesa della teologia come unica soluzione ai mali che oggi angosciano il mondo.

J ean-Claude Tardif è nato nel a Rennes in una famiglia di operai e attualmente vive in un villaggio in Alta Normandia, non lontano da Le Havre. Ha collaborato alla curatela di numerose antologie dedicate alla poesia contemporanea, alcuni suoi testi sono stati tradotti in tedesco, spagnolo, italiano, farçy, linguala… Ha pubblicato numerosi libri di poesia e narrativa.

Werner Lambersy dice di lui: Per Éditions La Dragonne: Per Éditions Rafaël de Surtis: Susana Thénon Buenos Aires, Argentina, Poeta, traduttrice e fotografa. Anche se non fa parte di alcun gruppo letterario. Amica della poetessa Maria Negroni, che in seguito è stata una delle curatrici dei libri postumi dei testi della Thenon: Poetisa, traductora y fotógrafa. Existe un vacío en sus publicaciones entre y , ya que se dedica activamente a la fotografía, aunque siga escribiendo.

Vorrei una poesia dal respiro teso e senza pudore. Una poesia che Rubens invidierebbe, nel vederla, là dal profondo di tre secoli, il suo corpo magnifico sdraiato su un divano, e le braccia nude adagiate, solo con braccialetti tanto ma tanto preziosi, e un angioletto in cima, nella sua piccola nicchia fatta nube, a proteggerlo, dolce. Ah, come vorrei una poesia differente dalla purezza del granito, e dalla purezza del bianco, e dalla trasparenza delle cose trasparenti.

Un intero bosco di rododendri dove il vento, passando, sostasse incantato e premuroso. Una controriforma del silenzio. Musica, musica, musica a colmarle il corpo e i capelli intrecciati con fiori e serpenti, e una fonte di stupore polifonico a scivolarle tra le dita. Adagiata sul divano foderato di velluto, la sua nudità rotonda e piena farebbe impallidire grifoni e sirene.

E i poveri templi, dalle linee tanto contenute e pure, tremare di paura alla sola folgorazione del suo sguardo. Gôngora impallidisce, come i grifoni, ora che lo contempla.

Questa controriforma del silenzio. E la sua mano tesa verso il cielo, carica di nulla—. Com a elegância redonda das mulheres barrocas e o avesso todo do arbusto esguio. Um tal poema queria. Muito mais tudo que as gregas dignidades de equilíbrio. Um poema feito de excessos e dourados, e todavia muito belo na sua pujança obscura e mística. Ah, como eu queria um poema diferente da pureza do granito, e da pureza do branco, e da transparência das coisas transparentes.

Uma alameda inteira de rododendros por onde o vento, ao passar, parasse deslumbrado e em desvelo. Nu, de redondas formas, um tal poema queria.

Uma contra-reforma do silêncio. Gôngora empalidece, como os grifos, agora que o contempla. Esta contra-reforma do silêncio. Ana Luísa Amaral è nata a Lisbona nel Tra le sue opere poetiche ricordiamo: Non voglio più scrivere della città-che si estende-ai-miei-piedi né di quel tipo di luce che solo io so percepire e capire. Sono stanco della vaniloquenza e della trascendenza di tante poesie che non mi convincono, mi irritano, mi lasciano stremato di pompa e messaggi — come D. Lawrence era stanco delle donne che fingono un amore che non provano ed esigono, con strepito, una reciprocità, forse falsa altrettanto.

Ma non saperlo mi dà un grande senso di sollievo colmo di contraddizioni. Preferiría hacer versos donde los rechinidos y las crepitaciones que me circundan algunas noches, no demasiadas —ruidos y sombras cuyo significado ignoro— , tengan un lugar y le den a los lectores esa sensación de inquietud semejante a la de sueños inolvidables por razones ignotas.

Quisiera un poco de claridad en el misterio y un poco de misterio en el paso de una palabra a otra. Estoy cansado de la vanilocuencia y de la trascendencia de tantos poemas que no me convencen, me irritan, me dejan exhausto de pompa y de mensajes —como D. Lawrence estaba cansado de las mujeres que fingen un amor que no sienten y exigen, con estridencia, una reciprocidad, acaso igualmente fingida. Haré a un lado esa imagen y me concentraré en otras cosas: No sé si podré.

Pero no saberlo me da un gran sentimiento de alivio lleno de contradicciones. Deane, e lo ritrae con Thomas Kinsella e Eavan Boland. Guy Goffette è nato il 28 aprile a Jamoigne, Lorena belga, in una famiglia di operai. Ha studiato alla scuola normale libera di Arlon, dove è stato allievo di Vital Lahaye, poeta e spirito libero che lo ha profondamente influenzato.

Nel ha pubblicato le sue prime poesie, raccolte sotto il titolo Quotidien Rouge. Nel gli sono stati assegnati il Premio della Communauté Française e il Premio Mallarmé per la raccolta poetica Éloge une cuisine de province.

Je me disais aussi: Encore, si le feu marchait mal, si la lampe filait un miel amer, pourrais-tu dire: E poi, se il fuoco prendesse male, se la lampada filasse un miele amaro, tu potresti dire: Forse bisognerebbe tirare le tende, lasciare il corpo tutto intero colare nella fatica spogliarsi degli intrecci di pensieri, del nero abbraccio delle alghe, tranciare di netto.

Demain, quand tout sera, quand tout aura, quand. Cendres jetées sur le feu qui regimbe un peu puis se tait sans consolation: Domani, quando tutto sarà, quando tutto avrà, quando. Tu reviens toi aussi. Se ho cercato — ho forse fatto altro? Un train file dans le soir: Tout se passe comme si je logeais dans une ombre. Un treno sfreccia nella sera: Quel che ho voluto, un treno lo porta: Traduzione a cura di Chiara De Luca. Traduzione di Stefano Serri. Ernest Pépin è nato nel a Lamentin Guadalupa.

Tra i volumi di poesia: Il meteorologo preannuncia tempo ingrato. E intende grigio, il mio colore di cielo preferito: E con ingrato intende pioggia: Il tempo ingrato riveste le pecore di grasso. Il tempo ingrato gonfia grano, orzo e avena. Le nubi si abbassano con il loro patrimonio, i campi traboccano di lingotti, e ogni fosso è un portafogli aperto e goccia argento. Lasciate che corra le strade il tempo ingrato, ragazza folle che scuote i lunghi capelli. Il tempo ingrato è nostro per diritto di nascita: I frigoriferi sono stipati di burro, crema e formaggio.

The weatherman forecasts miserable weather. By this he means grey, my favourite colour for skies: And by miserable he means rain: Miserable weather puts fat on the sheep. Miserable weather swells corn, oats and barley.

The clouds sag with riches, the fields brim with ingots, and every ditch is an open purse, spilling silver. Let miserable weather run in the streets like a mad girl, tossing her long hair. Let it pass its hand over the hills and heal their arid sleep. Miserable weather is our birthright: We learned to put on kitchen lights on summer mornings, and wear umbrellas everywhere, like second skins.

Our fridges are crammed with butter, cheese and cream. From our taps the miserable weather gushes in hot and cold streams in the rose-bed scatters masterpieces.

Ha pubblicato due raccolte di poesia: Dirige una piccola casa editrice, la Knucker Press www. Nel le è stato assegnato il prestigioso Edwin Morgan Poetry Prize. The bow pointed round the compass. But nobody wanted it. What can we do with such a cargo, the people said; it has no marketable value, have you ever heard of anyone trading in futures of love?

No, we have not. So the ship slipped off as if it had been guilty of deceit. Can you deliver it in sacks? Do you have to refrigerate it? We have never seen anything like that in the dry goods store.

And the ship sailed on. What does it mean, an ocean crossing without any port? What does it mean, the echoes of laughter at the entrances to all the warehouses of the world? Can you weigh it? Can you grind it? What price is it trading at today? So the ship sails on. And I believe the cargo is listing; it must have been after that last storm, when it came out of the eye into thirty-metre waves, that must be when it happened.

And now the ship is stricken. But the Captain says he will take his stand; Not for me, he says, the long nightmare across the sea, the blackened faces and swollen tongues, the urge to drink even salty blood.

Ma nessuno la voleva. Dissero al porto successivo; che idea! Potete consegnarlo in sacchi? Non abbiamo mai visto nulla di simile nelle mercerie. Cosa significa, gli echi di risate alle porte di tutti i magazzini del mondo?

È quello che chiedono tutti. Qual è oggi il suo prezzo commerciale? E ora la nave è prostrata. La prima metà di questa silloge di poesie, commissionate dallo International Jazz Festival e messa in musica da Tommy Smith, fu rappresentata per la prima volta al municipio di Cheltenham il 4 Aprile del Ha tradotto poesie da russo, ungherese, francese, italiano, latino, spagnolo, portoghese, tedesco e altre lingue.

Ha scritto poesie di argomento cinematografico, teatrale e di science fiction: Ha pubblicato numerosi volumi di poesia e raccolte di saggi, la maggior parte editi da Carcanet Press Ltd.

Il volume Collected Poems pubblicato da Carcanet nel è la sua raccolta più ampia ed eterogenea. Nel giugno del la sua Phaedra ha ricevuto il prestigioso Weidenfeld Prize for Translation. È prima di tutto poeta, uno dei più importanti in area francofona. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti ed è stato tradotto in una trentina di lingue. Sono stati frutto di numerose suggestioni di natura eterogenea: La riflessione, qui, si fa poesia filosofica che trova il suo tempo di decadimento nella filosofia del linguaggio.

In particular, in Messiaen wrote a piece for flute and piano entitled Le merle noir The Black Bird to test the ability of flutists applying to enter the Paris Conservatory of Paris.

This was the first time that the song of the blackbird made its appearance in contemporary music. As we know, Messiaen liked to say he was more ornithologist than composer, thanks to his studies of the modes of birdsong applied experimentally to the theory of composition. In Kos the blackbird is a symbol of communication, of the word as Platonic copy of Ideas, which detaches itself like a flabby membrane from the Area of Broca to spread its vibrant phonemes through the air, turning them into a meaningful material presence.

The way the blackbird learns to repeat words seems a sort of pedagogy of sense: Reflection becomes philosophical poetry that finds its decay time in the philosophy of language.

To quote the poet: To see this, we need only consider how the stylistic structure of Kos, and even it graphics, seem inspired by music, in a sort of visual re-evocation of modes of limited transposition, with entire lines barred and indentations that recall the positions of notes on an imaginary hypothetical pentagram.

Da allora ha ricevuto diversi premi e segnalazioni di merito. Terzo al premio Renato Giorgi ed. Le voci della Luna, Sasso Marconi. Le sue poesie sono presenti in diverse antologie e blog di poesia contemporanea. Alcune sue poesie sono state tradotte in inglese, in cinese, in francese, in tedesco e in spagnolo. Moving across various discipline, Michele Porsia Termoli, , seeks to integrate words, art and architecture, overcoming the boundaries that separate them.

Since then he has won several prizes and recognitions. Among others, in he was a finalist in the competition Under 29 — Unione Terre di Castello ; in he won the first edition of the award Cose a Parole organized by Giulio Perrone Editrice; he was a finalist in Subway award , and was mentioned for the Miosotis Award in ed.

He won third prize in the Renato Giorgi award ed. With his latest published collection, he is among the finalists for the Lorenzo Montano ed. His poems have been published in several anthologies of contemporary poetry, and blogs. He has published two collections: The poem Kos , in full version, is being published in the anthology Poeti della lontananza by Marco Saya Edizioni.

Brenda Porster is a native of Philadelphia who has lived most of her adult life in Florence. She is a poet and literary translator. As a poet, she writes both in English and Italian and since is a member of the international Compagnia delle poete , and with them has performed in many Italian and foreign cities Rome, Ferrara, Florence, Milan, Otranto, Lugano, Paris. She is included in many thematic and group anthologies: Furori , Uomini , Genesi , Gatti come angeli , Corporea , HaikuLei , Varianti urbane ; Prismi, sempre ai confini del verso: As a translator working from Italian into English, for many years she translated for El Ghibli, a website specialized in immigrant writing in Italian.

S he has translated Mario Luzi in Toscana Mater, and a large number of poets now writing in Italian: The volume For the Maintenance of Landscape: Her translations of the Italian poems of Albanian-born Arben Dedja appear in Traduzionetradizione, n. Robustelli, she translated and edited the anthology Corporea: Le voci della luna. E nella ciclicità si sprigiona la forza della natura- madre , una possibile salvezza: Perché qui tutto passa attraverso il corpo, anche se sprofondato nel torpore del sonno, anche se in viaggio verso i frammenti del ricordo: Franca Mancinelli procede col suo dettato essenziale e spoglio, limpido e onesto, che allaccia elementi del quotidiano a rivelazioni cariche di mistero e sacralità, ma anche di naturale bellezza.

Come la pasta, per farsi pane. Le pagine completamente bianche, che scandiscono le sezioni del libro, domandano riposo, respiro, tempo per rielaborare, digerire il cibo solido, enigmatico della poesia. Ritrarla fedelmente per come appare, o per come il nostro sguardo interiore la vede e vorrebbe rappresentarla, è una delle sfide più ardue. Il questa raccolta il poeta non adombra alcuna possibilità di redenzione individuale o collettiva. Essere liberi non è stagliarsi nel sole.

Il treno alla stazione si ferma solo brevemente per lasciar scendere qualcuno e per lasciar salire qualcun altro: Quando il treno riparte, i personaggi si materializzano sul foglio, dolorosamente nitidi, prigionieri della medesima banalità del proprio soffrire.

Tutti gli attori di questa grottesca commedia umana sono accomunati dalla debolezza, dalla fragilità della propria indolenza, o dalla crudeltà di un destino imposto e interiorizzato. Tutti questi personaggi hanno un nome ma potrebbero non averne nessuno, o infiniti. Tutti questi personaggi, nominati e tratteggiati, eppure anonimi e senza volto, sono schiacciati dal peso dal medesimo oscuro sentimento di precarietà, rosi dal tarlo della medesima incertezza.

Il poeta si aggira senza paura tra lo sporco, il rumore, la marcescenza, il contagio del male che si propaga strisciando ai nostri piedi e ci corrompe. Il sangue si fa crema, schiuma, le gambe si allargano, si gonfiano le nocche cedono i tessuti.

La malattia produce acqua e persino la nascita brucia. Che sono muffe nere nella testa. Ha alberi leggeri come elio, terre dure per coscienza. Sogna marmotte narcotiche mentre il bianco dei boschi vira al gas. Non per riscatto ma per vendetta.

Nella lattina ti ho sentito respirare e un calore mi è salito alle labbra. Dormi nei sospiri più lunghi della notte, animaletto accoccolato dentro la pupilla.

Hai la pelle bianca e le guance disegnate con furore. La memoria ha stanze immense camere colme di specchi polvere impraticabile. La nuova raccolta di Giovanni Granatelli è una versione musicale della melodia del reale, una trascrizione in note di immagini, persone, situazioni e scorci naturali. La parola è per Granatelli materia viva e pulsante, è movimento. Osservare significa per il poeta annotare, prendere appunti, farsi foglio bianco su cui possa incidersi il senso immediato delle cose: Per comprendere il paesaggio e trascriverne la musica non occorre porre domande, non occorre nominare, né cercare di racchiudere in parole.

È sufficiente spalancare gli occhi, affinché il mondo vi entri e possa raccontarsi: Il poeta stesso non è dunque compositore di una nuova musica. Senza timore, sguscia dal buco nero e urla la sua presenza, la sua esistenza fragile e potente, che di volta in volta assume la voce di bambina, adolescente, donna adulta….

E la si trova. Tra le pagine, infatti, si percepisce il tracciato dei Maestri del Novecento, che Roberta evoca a più riprese con gli echi di Montale, Zanzotto, Luzi… Non solo: Nella fabbrica dei versi si lavora con il vetro , un materiale poetico per eccellenza. Il vetro è un materiale delicato e crudele, come la scrittura di questa giovane autrice classe Quella della Sireno non è solo parola che libera: E soprattutto, con una onestà che spiazza, dichiara la sua reazione: Tutto questo ha un sapore di compiutezza, accanto a quel senso civile che, sempre e comunque, deve avere la poesia.

E anche la variazione sul tema cavalluccio di mare , o ippocampo , come in una partitura musicale, si ripropone con caratteri e toni differenti. La parola resta sospesa tra il cielo e la terra, proprio come una creatura alata, nella ricerca continua.

Qui stanno le creature alate, che paiono magiche nella loro semplicità e levità: Ogni cosa ha radice nel vento, a cominciare dalla parola, dalla sua gravità che si insinua tra la levità del soffio e la durezza della pietra. Sono i simboli della poesia di Liliana, portano con sé la fragilità e la bellezza, il dolore e la sua necessità, per comporre un codice nuovo: Ed ecco che le cose, le presenze, gli sguardi prendono forma, si ribellano alla loro immobilità, prendono vita sulla pagina: Siamo acqua che ride e morso del serpente, una casa, delle cose che abbiamo toccato.

Le mie parole sono farfalle insanguinate. Hanno la reticenza del dubbio il bianco della neve sono passi a ritroso verso il silenzio pagine di un libro sfogliato dal vento. Veloci transiti e fughe: I polpastrelli abrasi confondono i volti. Siamo materia di disordine, distanza. Non è dato che questo andare, e la luna, e il gelo che brucia le foglie.

Eppure pareva impossibile il cielo. Tragitto inverso — il nostro vedremo, al buio? Stormi di tordi, frosoni e crocieri in volo verso il sole. Tornavi fiero, nei giorni buoni, con un mucchietto inerte di becchi, zampine e ali. Sbando come lo stormo in volo. La prima delle cose buone è la luce. Coral Bracho mette in scena le presenze che cantano, non se stessa. Perché la voce e non la scrittura?

Perché la voce è nata prima della poesia. Perché qui, in questo libro, si parla solo di assoluti. Bracho non fa vedere se stessa che canta e non loda il canto in sé. Bracho loda la presenza della presenza — che canta — e osserva i passi della negazione che dilaga, per forza. Ma nella retorica scatta un come: Quindi non era una negazione assoluta. Era la presentazione di qualcuno che a differenza di tutto fa qualcosa, a modo suo.

La negazione deve essere osservata come la osserva il buon attore visionario alla fine del Settimo sigillo di Bergman. Ora sappiamo chi è il buffone: È lui che salverà dalla danza macabra una dolce moglie e un dolcissimo figlio, durante una notte di tempesta. Ovviamente negherà anche se stesso alla danza finale. Perché è visionario o perché è un buffone? O bisogna essere buffoni per essere visionari?

E bisogna essere buffoni nei carrozzoni per non cadere nella tragedia con tutto il corpo? Bisogna essere uno zero come Le Fou dei tarocchi marsigliesi: Il lettore prenderà Quello spazio, quel giardino come un avvertimento. Il lettore dovrà arrendersi presto: Difficile anche da distillare in aforismi. Il segnale che è tradotto in poche glosse, qui.

Allora faremo spazio al buffone: Es la frescura de sus voces recorriendo el espacio, vertiendo entre hondonadas de luz, su azar de viento y de extensiones. Es la tersura de sus voces ardiendo en desbandadas de gozo, de brillo intacto, de plenitud. Nada lo ciñe y lo ahonda como esos ecos. Ojos niños que irradian infinitud. Nada encarna en la vida y la estremece; nada afirma su cuerpo y su sed, su voz, como esa cifra de lo eterno en su centro: Una gota, un arroyo, una corriente: Es el mar reverberando sus formas, irguiendo en espesores de fuego sus masas, su orbe encabritado y frondoso; montañas de agua, de sol.

En él se pierde y reaparece. Es la tortuga de piedra frente al azul; es el almendro contra el cielo. Un bufón muestra en la mano el tallado cristal: Se ve el jaguar acechando entre juncales. Sobre la mesa blanca, en su reflejo sostenido, un nautilus. En su vórtice vítreo: Un cuenco, un brillo de incidencia. Es una vasta construcción sobre el mar. Amplios corredores se extienden sobre blancos pilares. Las terrazas abiertas sombrean las olas, y uno se interna y cruza por insondables extensiones.

Va la mirada inaugurando los trazos, van las pisadas centrando la inmensidad. Vemos transparencia en los muros, transparencia en las densas, despiertas olas y una alegría nos roza como un augurio, como la aleta fina y sigilosa de un pez. Es la memoria el viento que nos guía entre la noche y en ella funde su tibieza: Nos va llevando, nos va cubriendo con su aliento.

Y es su suave premisa, su levedad la que entreabre esas puertas: Balcones, cuartos, aromados pasillos. Salas de inextricable y nítida placidez.

Ahí, entre esplendores recién urdidos, bajo el espacio imperturbable, recobramos, a gatas, la expresión de los muebles, su redondeada complacencia: Todo nos cubre entonces con una intacta serenidad.

Todo nos protege y levanta con gozosa soltura. Manos firmes y joviales nos ciñen y nos lanzan al aire, a su asombrosa, esquiva, lubricidad. Somos de nuevo risas, de nuevo rapto bullicioso, acogida amplitud. Todo nos retoma y nos centra, todo nos despliega y habita bajo esos bosques tutelares: Agua goteando; luz bajo las hojas intrincadas del patio.

Ahí volvemos, ahi enredamos nuestras voces. Y un bienestar incontenible, una ceñida plenitud nos embriaga. Somos, entre esos trazos, inmensidad. Somos su deslumbrada coyuntura. Ellos, los muertos, nos miran con sus ojos ahondados, con su encendido corazón, y un desconcierto de niños, un sobresalto desolado nos toca,. Ojos de jaguar son las hojas que cimbra el viento.

Fuego las deslumbradas mariposas. Y su voz se abre a un hondo cavilar de la tierra, a un hondo y tierno rememorar: Es su canto ancestral una cascada suave, una ventana abierta a los cantiles del sol. Todo era incendio entonces: Como un jaguar que en la noche se desplaza entre lirios.

Como jazmines que enciende el viento sus palabras se tocan: Su canto fluye y nos despierta. Rojo sobre un sepia animal. Un peldaño de hielo y otro? Todo el reflujo ardiente de la piedra.

Es trazos leves y frescura la montaña; su luz. Lenta cascada entre la calma su ceñido cristal. Lenta, torneada flama su interno gesto contenido: Aliento intacto que protege. Brasa profunda que fluye y se alza desde otro tiempo, bajo otro rapto, otras fisuras. Todo el deslave pétreo de las nubes, su torneada unidad.

Y ahí, en el centro, en esa lanza —como un rescoldo inverosímil su estridencia , como un error irreparable, una fractura fulgurante su sesgo añil— la cabeza del moro. Baja la reina a la capilla, llegan las damas. Se alza, cauto, el rumor de los espectadores. Algo ficticio tiembla, se enciende dentro. Y es el bufón que observa entre las matas y rompe el hilo: Se alzan los tenues velos.

Como un rescoldo inextinguible; como un candil. Rompe el bufón la red de los espectadores. Barre el alarde de los puestos. Entre las formas tenues de las piedras bajamos. La noche se abre en la ladera;. O aquella calma retenida: Es una alcoba, luego una estancia que se extiende entre el olor de arena. Los espacios convergen; se integran en esa trama, la respiran; dejan su honda quietud. Y de pronto, en los bordes, las sombras cambian.

Es el niño que juega entre los andamiajes. È lo splendore delle loro voci che ardono in sbandamenti di gioia, di lucentezza intatta, di pienezza. Nulla lo cinge e scava come quegli echi. Occhi bambini che irradiano infinità. Una goccia, un ruscello, una corrente: In lui si perde e riappare.

È la tartaruga di pietra di fronte al blu; è il mandorlo contro il cielo. Un buffone mostra nella mano il cristallo intagliato: Si vede il giaguaro appostato tra i giunchi. Sul tavolo bianco, nel suo riflesso sostenuto, un nautilus.

Nel suo vortice vitreo: È una vasta costruzione sul mare. È il suo dispiegarsi. Ampi corridoi si estendono su bianchi piloni. Le terrazze aperte ombreggiano le onde, e ti addentri e attraversi insondabili estensioni. È la memoria il vento che ci guida nella notte e in essa fonde il suo tepore: E ancora ci porta, ci copre, col suo respiro.

Ed è la sua soave premessa, la sua levità a schiudere quelle porte: Balconi, stanze, corridoi colmi di profumi. Tutto ci copre allora di una intatta serenità. Tutto ci protegge e solleva con gioiosa disinvoltura. Mani ferme e gioviali ci cingono e ci lanciano in aria, loro sorprendente, schiva, oscenità.

Siamo risa nuovamente, nuovamente chiassoso rapimento, accolta ampiezza.

: Vidéo hard escort girl fougeres

Vidéo hard escort girl fougeres Porn francais escort girl madrid
Pono gay escort sens Pormo sexemodel perpignan
FRANCE MATURE ESCORT GIRL LE CREUSOT È tra i fondatori del sito Carteggi letterari e tra gli organizzatori di Trevigliopoesia. Che per tutto quel che hai fatto, il prossimo inizio sia tanto solitario, casuale, goffo e impreparato, tanto presuntuoso quanto il primo, quando ti spogliasti e timidamente avanzasti verso nulla in particolare. Aliento intacto que protege. That there can be a sweet stir hurrying in the veins earned: Später besuchen Kinder eine Wanderausstellung: Good first time job, it porno maman escort girl antibes me the skills to get into the job I am currently in now, it was fun while I was 16 years old but i wouldnt recomment anyone older.
Dolore scongiurato di una figura in primo piano, che si addentra da chi tollerata? And the ship sailed on. Poesie scelteEdizioni Kolibris Salas de inextricable y nítida placidez. Quando il Presente avrà serrato la porta dietro il mio tremulo passaggio, e il mese di maggio scuoterà come ali le sue gaie e verdi foglie, di soffice lanugine come seta beurette gros sein wannonce nimes filata, i vicini diranno: Quisiera un poco de claridad en el misterio y un poco de misterio en el paso de una palabra a otra. Ma gli uomini si sono spinti al punto da non riuscire più a vederla per quella che è, cercando invece una totalità, in cui la vogliono legare e strangolare.

1 thoughts on “Vidéo hard escort girl fougeres

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *